Home page > 2. Articoli > Cene etrusche, laboratori e spettacoli: al via le Notti dell’Archeologia


Cene etrusche, laboratori e spettacoli: al via le Notti dell’Archeologia

sabato 2 luglio 2011

Mail Share
  • Corriere Fiorentino, 2 giugno 2011

    Si potrà anche partecipare ad un banchetto etrusco, riscoprendo cibi e bevande del mondo antico, con Le Notti dell’Archeologia: oltre 240 appuntamenti che dal 2 al 31 luglio animeranno musei e scavi della Toscana. Dalle cene a tema (a Fiesole, 10 luglio; Dicomano, 9 luglio), alle innumerevoli passeggiate notturne nei siti archeologici, fino alla rassegna teatrale dell’Archeologia Narrante: la Regione firma una ricca proposta di “edutainment” (educational intratainement, intrattenimento educativo) in collaborazione con la Sovrintendenza, l’Associazione Musei Archeologici Toscani (Amat) e la Fondazione Toscana Spettacolo.

    «I luoghi del nostro passato tornano a vivere grazie a laboratori e dimostrazioni di arti e antichi mestieri – afferma l’assessore regionale alla Cultura, Cristina Scaletti – grazie al lavoro degli archeologi che ci guidano alla scoperta di nuove storie e percorsi, alla forza espressiva del teatro». Ecco allora che ad Arezzo i bambini dai 6 ai 12 anni potranno provare la vita da campo dei legionari romani (Cives et milites, 16 luglio), imparando l’addestramento degli antichi e la manutenzione delle armi, per poi assistere a dimostrazioni di arti e mestieri civili e militari e delle tecniche di combattimento.

    Ci sarà anche spazio per un viaggio fra squali e balene delle colline toscane. Se a Scandicci è stata ritrovata la balena più completa d’Europa, sotto i colli di Siena sono spuntati i resti dello squalo serpente: per scoprirli il Museo Paleontologico di Scandicci propone una serata di conferenze e laboratori di restauro per bambini (5 luglio). E non potevano mancare laboratori e simulazioni di scavo (a Portoferraio, 12-13 luglio; a Massarosa, il 22 luglio) ma anche trekking archeologici magari accompagnati da degustazioni e spuntini (come a Chianciano Terme, il 4 luglio).Da sottolineare il convegno su Le Acque degli Antichi (Chianciano, 22 luglio), per riflettere sull’importanza dell’acqua nella storia. Non mancheranno mostre, conferenze e percorsi dedicati alle navi e alle vie d’acqua del passato. E poi visite guidate, proiezioni di film a tema archeologico e vari cantieri di scavo.

    Ma a rendere ancora più vivi questi luoghi di memoria sarà la rassegna teatrale dell’Archeologia Narrante (12-23 luglio), realizzata in collaborazione con la Fondazione Toscana Spettacolo. «Porteremo nei siti antichi degli spettacoli di drammaturgia contemporanea», afferma la presidente, Beatrice Magnolfi. Ecco allora che ad Orbetello andrà in scena Antigone; una lettura in concerto: un’originale proposta della compagnia delle Belle Bandiere che saprà unire le diverse letture del mito – da Sofocle a Jean Anouhil e Bertolt Brecht – con registrazioni e musica elettronica. Il siciliano Vincenzo Pirrotta farà rivivere l’Eneide nel Museo di Cortona con La Fuga di Enea (19 luglio) mentre eroine come Alcesti, Pentesilea o Sibilla prenderanno voce all’Archeologico di Firenze con Mariangela Gualtieri e il suo Vox Feminae (21-22 luglio). La rassegna teatrale finisce il 23 luglio, con la regista Serena Sinigaglia che contaminerà le Troiane di Euripide con l’Iliade di Omero proponendo uno spettacolo itinerante nel Parco Archeologico di Baratti (23 luglio).

  • SPIP | modello di layout | | Mappa del sito | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0