Home page > 6. Insegnamento > Torna il corso di scrittura al Teatro delle Donne


Torna il corso di scrittura al Teatro delle Donne

venerdì 25 settembre 2015

Mail Share
  • TEATRO DELLE DONNE SCUOLA NAZIONALE DI SCRITTURA TEATRALE

    sono aperte le iscrizioni al corso 2015 docenti: Laura Forti, Gherardo Vitali Rosati

    DUE INSEGNANTI due percorsi paralleli e complementari: uno di scrittura teatrale, l’altro basato sulla lezione dei grandi autori del passato e dei nostri giorni.

    UN TEMA scelto, la maternità, indagata nei suoi aspetti meno tradizionali, aldilà dello stereotipo, a partire dalla cronaca e dall’attualità, passando da classici del teatro classico e novità della drammaturgia contemporanea.

    ALLA FINE DEL CORSO, che va da ottobre a marzo con cadenza settimanale, UN SAGGIO FINALE, dove gli elaborati degli allievi saranno letti in mise en espace dagli autori stessi e da attori della Scuola.

    E COME FOLLOW-UP, i testi che nasceranno durante il laboratorio di scrittura andranno a confluire in uno spettacolo finale diretto da Amanda Sandrelli e interpretato dagli allievi del corso master di regia e recitazione da lei condotto.

    I CORSI

    Dall’idea alla trama: come nasce un testo teatrale. seminario pratico di scrittura teatrale e studio del personaggio

    a cura di Laura Forti

    Come nasce un testo teatrale? Come si struttura una drammaturgia, partendo da un’idea, da un plot di base? Un testo per funzionare deve esprimere un cambiamento, una dinamica, un’evoluzione: se non succede niente, infatti, che cosa ci racconta? E questa evoluzione si ottiene se i personaggi affrontano un conflitto, una crisi, un trauma che li costringa a venire allo scoperto, a uscire dal proprio guscio, a rivelare nuove parti di sé. Partendo da un’idea di base – un articolo di giornale, un frammento di racconto o di saggio sul tema scelto, la maternità (declinata in tutte le sue sfumature, dal rapporto di coppia a quello genitori-figli, maternità negata per scelta o cercata ossessivamente, specchio a volte deformato della cultura e dell’educazione che riceviamo) – il gruppo sarà invitato a dar vita a delle storie, a dei personaggi. Andremo quindi a delineare insieme questa dinamica di crescita del testo, individuando tre parti strutturali: una fase iniziale di presentazione dei personaggi e della storia, una fase di conflitto emotivo dove la crisi prende corpo e infine una risoluzione della trama, uno scioglimento dei nodi drammatici, un finale. Durante il seminario, gli allievi-scrittori saranno sollecitati a verificare, modificare, approfondire il loro lavoro attraverso esercizi di immedesimazione, improvvisazioni, riletture collettive, dinamiche relazionali durante le quali gli altri interverranno come sponda critica, pubblico, compagni di gioco e interlocutori.

    Come scrivono i Maestri. I segreti dei grandi testi teatrali, dalla Grecia ai nostri giorni

    a cura di Gherardo Vitali Rosati

    Nel IV sec. a. C., Aristotele descriveva la struttura del testo perfetto nella sua Poetica, basata sullo studio delle grandi opere scritte in Grecia un centinaio di anni prima. Se molte cose sono cambiate nel teatro contemporaneo, questo metodo è certamente valido: dall’analisi dei testi teatrali è possibile individuare strutture ricorrenti, fondamentali per capire gli elementi cardine delle pièce. Su questo si baserà il mio percorso alla Calenzano Teatro Formazione, che sarà caratterizzato da due filoni principali. Da un lato si studieranno le opere che hanno segnato alcuni tra i principali momenti della Storia dello Spettacolo: dal teatro greco alla scena del Rinascimento, dalle grandi opere di fine Ottocento fino alla drammaturgia contemporanea. Contemporaneamente gli allievi si cimenteranno attivamente nella scrittura di esercizi e testi autonomi, forti della lezione appresa dai Maestri. La scelta dei testi oggetto di studio sarà quella di lavorare sul tema della madre: partiremo partire da Medea per arrivare fino al recente Premio Pulitzer Buonanotte Mamma, di Marsha Norman.

  • SPIP | modello di layout | | Mappa del sito | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0