Home page > 2. Articoli > Da Silvio Orlando a David Riondino: tutti al Verdi per la Lunigiana


Da Silvio Orlando a David Riondino: tutti al Verdi per la Lunigiana

giovedì 15 dicembre 2011

Mail Share
  • Corriere Fiorentino, 15 dicembre 2011

    Da Silvio Orlando a Lucia Poli, da David Riondino ad Alessandro Benvenuti. Il mondo del teatro si mobilita per dare il suo contributo alla Lunigiana fortemente danneggiata dall’alluvione del 25 ottobre. Martedì 20 dicembre il teatro Verdi di Firenze ospiterà “Toscana per la Toscana”, una serata il cui intero incasso sarà devoluto per il recupero del patrimonio librario della biblioteca di Aulla. Con circa trentamila volumi danneggiati e l’intera ludoteca invasa dal fango, la struttura è praticamente distrutta. Per salvarla si potrà acquistare il biglietto da 20 euro e vedere La guerra grande dell’Arno, un testo scritto da Francesco Niccolini in occasione dei 40 anni dell’alluvione del ’66 che adesso torna in scena con un cast d’eccezione. All’evento parteciperanno infatti molti attori toscani, fra cui anche Maria Cassi, Anna Meacci, Sandro Lombardi e Alessia Innocenti (foto), insieme a musicisti e danzatori. Tutti hanno messo a disposizione gratuitamente il loro lavoro, e anche lo spazio del teatro Verdi è stato offerto dall’Orchestra Regionale della Toscana.

    Sono davvero numerosi gli artisti e gli organizzatori che hanno sostenuto il progetto. Fra loro anche Sergio Staino, che insieme all’editore Giunti ha realizzato una maglietta che potrà essere acquistata nel corso della serata al costo di 20 euro. Un evento che è stato promosso con entusiasmo dalla Fondazione Toscana Spettacolo insieme alla Regione Toscana: «È questa è la Toscana che mi piace – ha detto l’assessore regionale alla cultura, Cristina Scaletti – una Toscana che si prende per mano e passa a una solidarietà dei fatti in nome di un ideale forte». Beatrice Magnolfi, presidente della Fondazione Toscana Spettacolo, aggiunge che «il teatro negli ultimi tempi è sempre stato associato all’idea di un carrozzone inutile e pieno di sprechi. Non è così: il teatro sa creare comunità e mobilitarsi per cause giuste».

  • SPIP | modello di layout | | Mappa del sito | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0